26 Novembre 2022

Santa Jttoria, Jara di Setzu, Masone de Tziu Addari

Santa Jttoria, Jara di Setzu, Masone de Tziu Addari

Santa Jttoria, Jara di Setzu, Masone de Tziu Addari

Siamo nell’ultimo mese dell’anno (Addaru).

Santa Jttoria, Jara di Setzu, Masone de Tziu Addari

Nei pressi della città posta sul ciglio Sud Est della Jara, gli Anziani avevano convocato la cittadinanza, estendendo l’invito anche alla vicina città di Bruncu Sruexu che si affacciava a Sud Ovest dell’Altipiano e agli abitanti più sotto del centro chiamato S’Uraxi, o preferibilmente Su Etzu (l’Antico) nei pressi de Sa Domu e s’Orku, a quelli più a Est presso alla fonte sacra Orjia di Tuibi.

Doveva trattarsi di cosa molto grave, poiché l’invito includeva le intere famiglie senza distinzione di rango o di età.

A presiedere l’assemblea era la persona che rappresentava a Santa Jttoria la Scienza, l’Arte e la Religiosità: Tziu Jussuph (Peppinu) Mannu.

Questo non era il suo nome datogli alla nascita, in realtà si chiamava Mebi (Miele).

Il nome Mannu (Grande) si capisce dalle sue attitudini, che praticava oltre il suo mestiere di Maistu ‘e Pannu, arte ereditata dal padre e dal nonno prima.

Per la sua arte e professione accettava solo scambi con chi gli commissionava una Ist’ e Pedde (vestito di pelle) o indumento di lana o di lino.

Un agnello dal pastore, frutta dal contadino, un cinghiale dal cacciatore …

Egli era anche il custode della fonte sacra di S’Ala ‘e Menjanu (l’ala/parte … del Mattino), si occupava inoltre dei testi scritti nel raro papiro arrivato alle volte dall’Egitto a bordo delle navi dei mercanti che viaggiavano ogni anno lungo le coste del Grande Verde (Il Mediterraneo).

Dai mercanti rientrati a fine dell’estate dell’anno prima Tziu Mannu aveva appreso che i Sacerdoti di Avaris e di Menphis (alcuni di loro avevano parenti a S’Etzu e in altri centri vicini) che una catastrofe di immani proporzioni si stava per verificare nel Mare delle Isole dell’Occidente o grande Cerchio d’acqua, come lo chiamavano gli Egizi, costringendo intere popolazioni a rifugiarsi in Oriente.

Aveva avuto conferma durante l’inverno dalle popolazioni delle città costiere, Tharros, Nabui, Solky e Bosa, ma altre notizie simili erano arrivate tramite viaggiatori al rientro dal Nord Sardegna, da Nure, Olbia … oltre che da quelle del Sud: Kar.El, Nora e Antigori … riguardo un improvviso innalzamento del livello del mare.

di Leonardo Melis

Articolo Protetto da Copyright

1 Comment

  • raffaele pisano 16 Ottobre 2022

    vorrei aggiungerlo tua (mia )libreria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: