26 Novembre 2022

CORTO MALTESE tra il serio e il faceto

Lo storico romano di origini ebraiche Giuseppe Flavio è d’accordo con noi e noi con lui, sul fatto che quanto racconta Salomone sappia molto di vanterie

CORTO MALTESE tra il serio e il faceto

CORTO MALTESE tra il serio e il faceto

Il naufragio <<La Flotta arrivò facilmente a Ofir, come da racconti tramandati dai Greci, dagli Egizi, dalla Bibbia etc.

Per un anno si fermarono a rinforzare le fortificazioni antiche di 2-300 anni.

Mentre gli operai specializzati estraevano i minerali, in primis lo Stagno, altri facevano i turni di guardia e altri ancora provvedevano al sostentamento; fra questi sappiamo che vi erano anche donne, che saranno citate nel naufragio della nave ammiraglia.

Al secondo anno di scadenza, puntualmente nel mese di Nisanu, la flotta sotto il comando di Kareh figlio di Sisara, ripartì doppiando quello che oggi si chiama Capo di Buona Speranza.

L’ammiraglio fece annotare che “Il sole splendeva stranamente alla loro destra durante tutto il viaggio verso il Mare d’Occidente”.

Doppiato felicemente il Capo, una tempesta improvvisa cominciò a infuriare facendo dividere le navi.

La nave ammiraglia fu presa da quella che chiamiamo oggi La Corrente Subequatoriale.

La nave fu portata dalle onde verso le coste di un mondo sconosciuto, presso la riva di un grande fiume.

Questo fiume fu battezzato 25 00 anni più tardi con il nome di Salimoes dai navigatori Portoghesi (Salomone?). Parliamo proprio dei Rio delle Amazzoni.

I Portoghesi erano a conoscenza di questa storia?

La pietra, il documento riprodotto e della sua traduzione, parlava chiaramente della flotta e del naufragio al ritorno da un lungo viaggio.

<Siamo Cananei di Sidone (o di Akko? Tiro?) della città del re mercante (Hiram). Giungemmo a quest’isola lontana, una terra montagnosa. Abbiamo sacrificato un giovane … agli Dei e alle Dee celesti, nel diciannovesimo anno del nostro re Hiram e ci siamo imbarcati a Ezion-Geber nel Mar Rosso. Abbiamo viaggiato con dieci navi per due anni intorno all’Africa, quindi ne fummo separati per la mano di Baal e già non stiamo con i nostri compagni. Così giungemmo qui, dodici uomini e tre donne, alla isola del ferro, in una nuova spiaggia che io, l’Almirante controllo. Ma sicuramente gli Dei e le Dee ci favoriranno.>

Chi scrive è Kananéo, di Tiro, Sidone o Akko.

Il suo re è Hiram di Tiro, citato dalla Bibbia e storicamente esistito.

Lo storico romano di origini ebraiche Giuseppe Flavio è d’accordo con noi e noi con lui, sul fatto che quanto racconta Salomone sappia molto di vanterie e i “suoi viaggi” siano il racconto di viaggi effettuati da altri, forse appunto da genti di Israel e kananee di origini chiaramente dei Popoli del Mare.

Vediamo anche dallo scritto che a raccontare è proprio l’Almirante (ammiraglio) che noi abbiamo identificato con Kareh, figlio di Sisara.>>

Da: “ I Popoli del Mare, Sisara eroe shardana in Israel” .

di Leonardo Melis

Articolo Protetto da Copyright

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: